Come proteggere i capelli ?

Oggi, come mai in passato, la domanda “come proteggere i capelli ?” è di incredibile attualità ed è opportuno essere consapevoli di come proteggere correttamente i nostri capelli dai cosidetti “AGENTI ESTERNI”.

I principali nemici da cui difenderci sono gli agenti inquinanti gli agenti atmosferici.

 

AGENTI INQUINANTI

Sempre più frequentemente nelle nostre città gli inquinanti atmosferici superano abbondantemente le concentrazioni ritenute di “guardia”.

I capelli sono la parte più esposta del nostro corpo a questi elementi e sicuramente quelli che direttamente ne subiscono le maggiori e nefaste conseguenze.

Polveri sottili, nanopolveri, metalli pesanti, gas di scarico e composti organici volatili ormai sono costantemente presenti in tutte le maggiori città. Sono dei veri e propri veleni che la gran parte della popolazione respira quotidianamente.

Nonostante la struttura dei capelli sia molto impermeabile questa miriade di sostanze (composte da migliaia di molecole inquinanti di tipologie molto diverse tra di loro) riesce a colpire e provocare gravi danni.

Fortunatamente solo una piccola parte degli inquinanti riesce ad insinuarsi tra le squame dei nostri capelli e penetrare all’interno della loro struttura innescando un processo di deterioramento.

La maggior parte degli inquinanti rimane attaccata ai nostri capelli e, letteralmente, vi rimane imprigionata. Lentamente ma costantemente, questi piano piano scivolano fino a raggiungere la nostra cute col serio rischio di penetrare nella parte superficiale dell’epidermide della nostra testa ed andare a danneggiare i follicoli e la radice dei capelli. Non solo, anche le zone della fronte, collo e guance sono a rischio specialmente per chi ha i capelli molto lunghi.

 

Fabio Rinaldi, dermatologo e Presidente dell’International Hair Research Foundation e docente alla Sorbona di Parigi, che sul tema sta conducendo delle ricerche, ha dichiarato:

«Il fusto dei capelli è come una spugna, che assorbe tutto quel che c’è nell’atmosfera attraverso la cuticola esterna, compresi odori, fumo di sigaretta, polveri sottili, metalli pesanti, gas di scarico e quant’altro ammorba l’aria delle nostre città».

 

Queste sostanze, imprigionate dai nostri capelli ed a contatto con la nostra pelle, come prima causa diretta possono provocare dermatiti irritanti, aumento della sensibilità cutanea ed ovviamente un opacizzazione dei capelli, questo solo nell’immediato. Nel lungo periodo saranno direttamente causa della generazione dei radicali liberi con conseguente aumento della probabilità di debolezza e caduta dei capelli, specialmente nei soggetti che risultano predisposti. Non va dimenticato che coloro che soffrono già di problematiche come psoriasi e dermatite seborroica, hanno una barriera lipidica alterata e quindi molto più sensibile e vulnerabile alle aggressioni esterne di questo tipo di sostanze.

 

AGENTI ATMOSFERICI

Gli agenti atmosferici sono tra i pericoli per i nostri capelli, generalmente, più sottovalutati ed ignorati.

Associamo al sole solo benefici e non consideriamo, o solo poco, che vento, umidità e sbalzi di temperatura siano deleteri ma semplicemente non gli diamo importanza.

L‘esposizione al sole, con i suoi nocivi raggi UV è uno dei fattori più pericolosi per i nostri capelli, aggravato se in più ci aggiungiamo salsedine o cloro.

I raggi UV sono diretti responsabili della produzione di radicali liberi che attaccano sia la nostra cute e le radici dei capelli sia la struttura cheratinica del capello rendendolo più fragile, secco, opaco e difficile sia da pettinare che da trattare in fatto di styling e piega.

Vento, umidità, sbalzi repentini di temperatura, cloro e salsedine sono altri fattori causa di stress e danni per i nostri capelli, sia per quanto ne riguarda la struttra che la cura e la bellezza.

Dobbiamo inoltre sottolineare e ricordare che le persone che appartengono ai fototipi di tipo I e II, ossia biondi, rossi e tutti coloro con pelle chiara, sono molto più soggetti ai rischi e pericoli dovuti sia dagli inquinanti che dagli agenti atmosferici, specialmente per quel che riguarda l’esposizione solare.

 

PREVENZIONE E RIMEDI

Come proteggere i nostri capelli da questi pericoli che quotidianamente ed in tutte le stagioni ci circondano e aggrediscono?

Ci sono poche e semplici accortezze che possono ridurre drasticamente i rischi causati da tutti questi agenti esterni, vediamo quali sono:

  • DETERSIONE CORRETTA:  Lavare i capelli almeno 2/3 volte a settimana utilizzando prodotti detegenti adeguati al nostro tipo di capelli (preferibilmente utilizzando prodotti a base veetale che mantengono sia il naturale ph cutaneo che il corretto livello lipidico) permette di eliminare tutti gli inquinanti che “raccogliamo” durante il giorno.

 

  • UTILIZZO DI BALSAMI O MASCHERE:  Sarebbe opportuno almeno 1/2 volta a settimana, utilizzare dei condizionanti specifici contenenti attivi in grado di proteggere i capelli ed allo stesso tempo di idratare e nutrire la cute in maniera opportuna. Così facendo limiteremo in maniera sostanziale, fino quasi ad annullare, gli effetti causati dal contatto con inquinanti ed esposizione a sole, vento ed altro.

 

  • UTILIZZO DI PRODOTTI PROTETTIVI:  Utilizzare prodotti specifici che proteggono i nostri capelli, tutto il giorno, schermandoli il più possibile dagli agenti esterni è vivamente consigliato per limitare direttamente e quotidianamente l’azione negativa degli agenti esterni di qualsiasi natura. Questi prodotti generlamente a base di siliconi o polimeri piuttosto che di oli vegetali, avvolgono in una guaina protettiva il capello schermandolo dalla maggior parte degli attacchi esterni. La scelta di quale sia la migliore soluzione è soggettiva, tutti proteggono il capello e tutti hanno pro e contro che devono essere valutati da chi ne usufruisce.

 

  • UTILIZZO DEL CAPPELLO:  Sarebbe un’ottima abitudine, specialmente in estate, cercare di usare un cappello o un copricapo così da filtrare e limitare i dannosi raggi UV, diretti responsabili dell’aumento dei radicali liberi e dell’invecchiamento cutaneo. L’uso del cappello, anche d’inverno, sarebbe un ottimo alleato per protteggerci sia dallo smog (almeno dalle particelle più grandi) che dal freddo e dai repentini sbalzi di temperatura.

 

CONCLUSIONI

In conclusione non dobbiamo sottovalutare l’azione deleteria degli agenti atmosferici ed inquinanti nei confronti dei nostri capelli. Spesso i pericoli maggiori sono quelli che ormai consideriamo routine ed a cui facciamo pochissima attenzione.

Come visto basterebbero poche semplici azioni per diminuire drasticamente i danni che gli agenti esterni provocano quotidianamente ai nostri capelli.

Aver cura dei propri capelli vuol dire quasi sempre effettuare una valida PREVENZIONE perchè una volta che i danni sono stati fatti è sempre più difficile porvi rimedio in  maniera ottimale.

​Iscriviti alla NEWSLETTER

​Ricevi subito il tuo COUPON sconto del 20% da utilizzare nel nostro SHOP Online.


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *